Annunci

^ The Future is Now ^

Articoli con tag “WhatsApp

WhatsApp come anche i classici SMS e le Email potranno essere utilizzati come documenti di prova 

 

WSE

WhatsApp come anche i classici SMS e le Email potranno essere utilizzati come documenti di prova e dunque con la conseguente applicazione dell’articolo 234 del codice di procedura penale. Nell’articolo menzionato viene dichiarato come sia consentita “l’acquisizione di scritti o di altri documenti che rappresentano fatti, persone o cose mediante la fotografia, la cinematografia, la fonografia o qualsiasi altro mezzo”. Ecco che la sentenza numero 1822/2018 della Corte di cassazione ha aggiunto proprio questo ossia la possibilità di asserire come prova i messaggi su WhatsApp o anche gli SMS. Dunque se nella memoria del telefono dell’indagato sottoposto a sequestro figureranno anche i messaggi del più conosciuto ed utilizzato sistema di messaggistica come anche i classici SMS presenti in essa questi potranno divenire delle prove. A tali però non potrà essere applicata la disciplina prevista dall’articolo 254 c.p.p. sul sequestro di corrispondenza, in quanto la nozione di corrispondenza “implica un’attività di spedizione in corso o comunque avviata dal mittente mediante consegna a terzi per il recapito”. Stessa cosa deve essere considerata per le norme sulle intercettazioni in quanto queste ultime hanno ad oggetto “la captazione di un flusso di comunicazioni in corso”, mentre se si recuperano i messaggi da un telefono sequestrato non si fa altro che acquisire il dato che documenta quei flussi recuperandolo dalla memoria in cui è conservato. La tecnologia è, per molte persone, uno strumento di comunicazione con cui dialogare; ma, a differenza della penna, i bit non sono immodificabili come l’inchiostro. Ecco perché fino ad oggi le email, i messaggini e le stampe di schermate del computer non possono sempre dimostrare un diritto ma di fatto in questo caso la sentenza della Corte di cassazione pone un cambiamento che potrebbe portare alla risoluzione di molte situazioni finora lasciate in bilico proprio per colpa di WhatsApp o degli SMS.

Fonte: Hardware Upgrade

 

Annunci

WhatsApp Desktop ora disponibile

 

whatsapp-desktop-client

WhatsApp Desktop è apparsa finalmente su Microsoft Store.

Fra le funzionalità presenti sull’app citiamo la condivisione di file con varie estensioni, la possibilità di modificare le informazioni del profilo, di inviare GIF ed Emoji, e di visualizzare gli aggiornamenti di stato degli utenti. Come tutte le varie versioni “non mobile” di WhatsApp, il software per PC Windows 10 non funziona in modalità stand-alone, ma ha bisogno di sincronizzarsi con l’app mobile installata su uno smartphone. L’accesso avviene mediante la voce WhatsApp Web, da selezionare sul client per il cellulare per poi eseguire l’autenticazione attraverso QR Code. Le stesse funzionalità, pertanto, possono essere sfruttate senza installare applicazioni sul desktop indirizzando il proprio browser verso web.whatsapp.com. WhatsApp Desktop arriva su Microsoft Store, inoltre, in seguito ad altre applicazioni di alto profilo come Microsoft Office e Spotify. Gli utenti interessati ad installarla possono lanciare il download partendo da questo indirizzo dello store italiano, con un peso di circa 250 MB sull’unità di archiviazione. L’app è già disponibile in Italia ma, in base ai commenti di alcuni utenti, pare non sia stata introdotta su tutti i mercati.

Fonte: Hardware Upgrade