Annunci

^ The Future is Now ^

Archivio per 11 febbraio 2018

WhatsApp Business

WhatsApp Business la nuova versione per le aziende della piattaforma di messaggistica più utilizzata al mondo. Una versione completamente gratuita rilasciata sul Play Store per Android e in arrivo anche su App Store per iOS e che potrà dunque essere utilizzata anche nel nostro paese per un uso completamente aziendale e professionale con funzionalità quali, ad esempio, messaggi automatici che possono servire proprio con attività lavorative. Ma andiamo con ordine e vediamo quali sono tutte le novità.

Le differenze con WhatsApp “standard”

WhatsApp Business innanzitutto, come detto, è la versione professionale di WhatsApp pensata per chi possiede un esercizio commerciale o un’attività pubblica e dunque ha la necessità di separare la piattaforma di messaggistica personale con quella professionale. Oltretutto con le funzionalità implementate con la versione professionale, gli utenti, potranno avere nuovi strumenti per migliorare l’interazione con il proprio pubblico. A livello grafico come anche a livello concettuale però le cose non cambiano e WhatsApp Business rimane fedele a quanto fatto con la versione standard e dunque sono presenti le medesime chat per le conversazioni, è presente la pagina per gli stati ma anche quella per le chiamate e sarà possibile fare tutto quello che si faceva già con la versione standard ossia inviare messaggi di testo, foto, video o anche la posizione in tempo reale. Quali sono allora le novità che contraddistinguono la versione Business?

Le novità della versione Business

Tutto quello che abbiamo visto con WhatsApp funzionerà, come detto, anche su WhatsApp Business. Sarà dunque semplice attivare un account professionale visto che basterà associare un numero di telefono. In tal caso l’utente potrà associare lo stesso numero che utilizza anche su WhatsApp “standard” anche se la novità più importante arriva proprio dalla possibilità di associare un secondo numero alla versione Business in modo da poter utilizzare al meglio proprio questa seconda versione. Le funzionalità aggiuntive che l’utente potrà trovare su WhatsApp Business sono essenzialmente legate alla volontà di utilizzare il profilo per la propria attività ed ecco che sarà possibile ampliare le specifiche del proprio profilo con tutte le informazioni inerenti la propria attività come il sito web o anche l’indirizzo del proprio negozio o ufficio per un immediato contatto. Interessante poi la possibilità di creare delle risposte immediate ed automatiche da inviare al cliente che contatta proprio come avviene con i bot odiernamente. In caso dunque di assenza o chiusura del negozio, ad esempio, si potrà inviare ai propri clienti un messaggio informativo sulla chiusura o sull’assenza. Un modo comodo di tenere sempre aggiornati i propri clienti senza però avere la necessità di creare il tutto manualmente e ripetitivamente. Da sottolineare anche la presenza di una sezione dedicata per le statistiche che permetterà di capire meglio la propria utenza e tutto quello che ne deriva.

Dove si scarica e quanto costa WhatsApp Business

WhatsApp Business è completamente GRATUITO e può essere scaricato direttamente negli store delle applicazioni del proprio sistema operativo. In questo caso la versione professionale del sistema di messaggistica è stata al momento rilasciata solo per Android ma gli sviluppatori hanno fatto sapere che anche quella per iOS è in arrivo.

LINK DOWNLOAD WhatsApp Business ANDROID

Ricordiamo anche che per un utilizzo ancora più comodo è possibile scaricare WhatsApp Web, ossia la versione per PC e Mac che permette di replicare l’applicazione da smartphone sul proprio portatile o PC fisso proprio come avviene per la versione standard del sistema di messaggistica.

Fonte: Hardware Upgrade

Annunci

WhatsApp come anche i classici SMS e le Email potranno essere utilizzati come documenti di prova 

 

WSE

WhatsApp come anche i classici SMS e le Email potranno essere utilizzati come documenti di prova e dunque con la conseguente applicazione dell’articolo 234 del codice di procedura penale. Nell’articolo menzionato viene dichiarato come sia consentita “l’acquisizione di scritti o di altri documenti che rappresentano fatti, persone o cose mediante la fotografia, la cinematografia, la fonografia o qualsiasi altro mezzo”. Ecco che la sentenza numero 1822/2018 della Corte di cassazione ha aggiunto proprio questo ossia la possibilità di asserire come prova i messaggi su WhatsApp o anche gli SMS. Dunque se nella memoria del telefono dell’indagato sottoposto a sequestro figureranno anche i messaggi del più conosciuto ed utilizzato sistema di messaggistica come anche i classici SMS presenti in essa questi potranno divenire delle prove. A tali però non potrà essere applicata la disciplina prevista dall’articolo 254 c.p.p. sul sequestro di corrispondenza, in quanto la nozione di corrispondenza “implica un’attività di spedizione in corso o comunque avviata dal mittente mediante consegna a terzi per il recapito”. Stessa cosa deve essere considerata per le norme sulle intercettazioni in quanto queste ultime hanno ad oggetto “la captazione di un flusso di comunicazioni in corso”, mentre se si recuperano i messaggi da un telefono sequestrato non si fa altro che acquisire il dato che documenta quei flussi recuperandolo dalla memoria in cui è conservato. La tecnologia è, per molte persone, uno strumento di comunicazione con cui dialogare; ma, a differenza della penna, i bit non sono immodificabili come l’inchiostro. Ecco perché fino ad oggi le email, i messaggini e le stampe di schermate del computer non possono sempre dimostrare un diritto ma di fatto in questo caso la sentenza della Corte di cassazione pone un cambiamento che potrebbe portare alla risoluzione di molte situazioni finora lasciate in bilico proprio per colpa di WhatsApp o degli SMS.

Fonte: Hardware Upgrade