^ The Future is Now ^

Archivio per 23 agosto 2017

Alcatel U5 HD, lo smartphone con funzioni semplificate. “Simple Mode”.

Ormai i cellulari con tastiera fisica (QWERTY) non sono più al passo con i tempi, sopratutto per via dei diversi software non più supportati come si dovrebbe(vedi WhatsApp ad esempio), avevamo recensito qui  nel settembre del 2014, forse gli ultimi utili… quello che consigliamo oggi è di voltare pagina e di passare a smartphone con funzioni semplificate, “Simple Mode”.

Alcatel-U5

L’ Alcatel U5 HD, ad esempio, consente di impostare la schermata home semplificata, “Simple Mode”, e di ottenere un accesso più rapido alle applicazioni e alle funzionalità preferite. La funzione smart consente inoltre di catturare l’immagine presente sul display e di modificarla, senza dover aprire ulteriori applicazioni. Infine, Phone Guard ottimizza la memoria, consente di risparmiare la batteria e aumenta le prestazioni, affinché lo smartphone sia ancora più performante. Chiaramente i software presenti su questi smartphone sono tutti aggiornati e non avranno problemi nei prossimi anni a ricevere aggiornamenti utili a garantire un corretto funzionamento delle applicazioni istallate.

Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche, abbiamo un processore MediaTek MT6737 Quad-Core a 1.3GHz, 1 GB di RAM e 8 GB di memoria interna espandibile fino a 128 GB. Il dispositivo è anche dual-SIM.

Alcatel U5 HD sarò disponibile da metà settembre nelle colorazioni Volcano Black o Pure White.


Final Fantasy XV x Pc

Annunciata la versione PC di Final Fantasy XV alla Gamescom 2017.

Final Fantasy XV Windows Edition è realizzato in collaborazione con NVIDIA e uscirà all’inizio del 2018:


Forza Motorsport x Pc, Microsoft ha reso noti i requisiti necessari.

Requisiti “minimi” consigliati (30 FPS – 720p):

• CPU: Intel Core i5-750 2.67GHz o AMD FX-6300
• RAM: 8GB
• GPU: Nvidia GT 740/GTX 650 o AMD R7 250X con 2GB RAM

In Sala Giochi proveremo a capire se si può scendere al di sotto di quelli dichiarati.


Forza Motorsport 7 x Pc, in arrivo la Demo.

Microsoft ha confermato la futura pubblicazione di una demo, che potrà essere scaricata prima dell’arrivo del gioco. 

Forza Motorsport 7: qui la futura Demo


Killer Robot. IA si, ma non si esageri…


Elon Musk contro i killer robot
Il tecnologo che teme la IA(Intelligenza Artificiale) più di chiunque altro aggiunge ancora una volta la sua voce a un nuovo appello contro le macchine assassine, potenzialmente in grado di trasformare i campi di battaglia del prossimo futuro e non solo.

Roma – Dal Future of Life Institute (FLI) arriva un nuovo appello contro i cosiddetti “killer robot”, una lettera aperta firmata da esperti e protagonisti del settore che mette in guardia il mondo, per l’ennesima volta, sui rischi connessi allo sviluppo di armi robotiche e la necessità di bloccare il loro sviluppo sul nascere. Prevedibilmente, tra i primi firmatari c’è quell’Elon Musk che la IA l’ha vista molto da vicino (Tesla) e non perde occasione per parlarne con toni allarmati.

Oltre a Musk sono più di cento i firmatari dell’appello di FLI, founder di aziende specializzate in robotica e intelligenza artificiale sparse in 26 diversi Paesi che si rivolgono alle Nazioni Unite affinché la minaccia delle “armi autonome legali” venga affrontata ai massimi livelli delle rappresentanze mondiali.

La lettera aperta di FLI esorta l’ONU a mettere al bando lo sviluppo dei killer robot, una tecnologia che avrà la capacità di trasformare radicalmente i conflitti armati con una vera e propria “terza rivoluzione” dell’arte (distruttiva) della guerra e del warfare. Armi terribili, i killer robot, potenzialmente utilizzabili da despoti e terroristi contro le popolazioni innocenti o hackerabili per agire in maniera non previste dal manuale di istruzioni dei loro creatori.
Occorre agire subito, prima che i killer robot diventino realtà, spiegano Musk e colleghi, perché una volta che il vaso di Pandora sarà aperto nessuno potrà più fermare le armi autonome che “vivono” solo per uccidere. La tecnologia va messa al bando in sede ONU, esortano i firmatari.

La lettere di FLI segue di un paio d’anni un appello simile firmato da Musk e molti altri, e in effetti l’ONU ha da tempo messo in conto (e più volte rimandato) una discussione sui robot killer volta a discutere seriamente le preoccupazione espresse dagli esperti mondiali di settore.

Certo Musk resta uno dei più accaniti promotori dell’imposizione di limiti stringenti sull’intelligenza artificiale, che per il tecnologo rappresenta un vero e proprio rischio di estinzione per il genere umano e una ragione più che valida per scontrarsi verbalmente con altri protagonisti dell’IT come Mark “Facebook” Zuckerberg.

Fonte: il punto informatico, articolo rivisto da Upgrade It.