^ The Future is Now ^

Studio Aware, c’è la prova della vita dopo la morte

Questa volta ci siamo, i risultati del più grande studio sulle esperienze di premorte è stato pubblicato:

c’è la prova della vita dopo la morte

titola in terza pagina oggi il Daily Telegraph , che riporta uno studio dell’Università di Southampton che in quattro anni ha studiato i casi di oltre 2mila infartuati gravi fra Regno Unito, Stati Uniti e Austria. Di questi, 330 sono sopravvissuti e 140 hanno parlato, una volta tornati alla normalità funzionale, di esperienze assai “singolari”.

Così, secondo gli accademici, il 40% di chi risulta clinicamente morto per pochi minuti e poi viene “riportato in vita” ha raccontato di aver avuto consapevolezza di sé in quegli istanti in cui il cuore aveva smesso di battere.

Una sorta di “coscienza aumentata”, dicono ora gli studiosi dell’Università britannica, che riportano in particolare il caso di un’infermiera 57enne del sud dell’Inghilterra che ha raccontato esattamente che cosa fosse successo nella stanza nei minuti successivi al blocco del suo apparato circolatorio. I risultati sono stati pubblicati anche sul giornale Resuscitation ed è una delle prime volte che un’università pubblica effettua uno studio di questo tipo.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Rianimazione:

sam_parnia_2014

 

 

 

 

 

 

 

 

 

http://www.southampton.ac.uk/mediacentre/news/2014/oct/14_181.shtml

Sommario:

“7 ottobre 2014Source: Università di SouthamptonSummary: I risultati di uno studio internazionale di quattro anni di 2.060 casi di arresto cardiaco in 15 ospedali conclude quanto segue. I temi relativi alla esperienza della morte appaiono di gran lunga più ampio di quello che è stato capito fino ad ora, o ciò che è stato descritto come cosiddette esperienze di pre-morte. In alcuni casi di arresto cardiaco, i ricordi di consapevolezza visiva compatibili con così chiamati fuori dal corpo esperienze possono corrispondere con eventi reali. Una percentuale più elevata di persone possono avere esperienze di morte vivide, ma non li ricordo a causa degli effetti di lesioni cerebrali o di farmaci sedativi in circuiti di memoria. Ampiamente usato ancora scientificamente termini imprecisi, come pre-morte e di esperienze fuori dal corpo, non può essere sufficiente per descrivere l’esperienza reale della morte. L’esperienza ricordata di morte merita una vera e propria inchiesta senza pregiudizi.”

Il dottor Jerry Nolan, Editor-in-Chief di rianimazione ha detto: “Il dottor Parnia ei suoi colleghi vanno le nostre congratulazioni per il completamento di uno studio affascinante che aprirà la porta a più ampie ricerche in ciò che accade quando si muore.”

Queste le strabilianti conclusioni dello “Studio Aware” condotto dal Dr. Sam Parnia esaminando più di 2000 casi di persone che avevano sofferto un arresto cardiaco in 15 ospedali in Gran Bretagna, Usa e Austria. E’ emerso che il 40% dei sopravvissuti avevano “ricordi” nei minuti in cui erano clinicamente morti. L’Università di Southampton ha affrontato in modo scientifico questa possibilità scoprendo che una qualche forma di “consapevolezza” può continuare anche dopo che il cervello ha cessato di funzionare del tutto. Si tratta di una teoria controversa che fino ad ora ha sollevato molto scetticismo, ma gli scienziati inglesi, dopo quattro anni hanno fornito risultati molto interessanti.
E’ emerso che circa il 40% dei sopravvissuti avevano “ricordi” di quella esperienza nei minuti in cui erano clinicamente morti. Un 57enne di Southampton ha detto di aver vissuto una sorta di esperienza extracorporea, e di aver assistito alle azioni dei medici che cercavano di rianimarlo. “Sappiamo che il cervello non può funzionare quando il cuore smette di battere – ha detto Sam Parnia, ricercatore che ha guidato lo studio – Ma in questo caso la consapevolezza cosciente sembra essere rimasta attiva fino a tre minuti dopo che il cuore non funzionava più, anche se il cervello di solito “si spegne” dopo 20-30 secondi da quando il cuore si ferma”. Notevole il caso di un paziente che ha avuto un’attendibile OBE e che ha riferito particolari verificabili: per la prima volta, è stato possibile correlare il suo racconto con un preciso segnale acustico L’uomo ha descritto tutto quello che era accaduto nella stanza, ma fatto molto importante, ha sentito due bip da una macchina che fa un rumore a intervalli di tre minuti.
“Così abbiamo potuto cronometrare quanto tempo l’esperienza è durata “,
ha aggiunto Parnia. “Sembrava molto credibile e tutto ciò che egli ha detto che gli era accaduto era realmente accaduto. ”
Gli scienziati hanno esaminato 2.060 pazienti con arresto cardiaco. Dei 330 sopravvissuti, 140 dicono di aver ravvisato un qualche tipo di consapevolezzamentre venivano rianimati. Uno su cinque ha detto di aver provato un senso di tranquillità, altri di aver visto una luce brillante ed una sensazione di tempo accelerato o rallentato, mentre altri hanno descritto la sensazione di annegamento o di essere immerso in acqua.Parnia afferma che molte più persone dovrebbero avere esperienze simili, quando vicine alla morte, ma i farmaci usati in rianimazione possono impedire loro di ricordare l’esperienza.

Le prime Fonti che hanno dato la notizia: 

http://www.affaritaliani.it/cronache/c-prova-della-vita-dopo-la-morte071014.html?refresh_ce

http://www.quotidiano.net/vita-dopo-morte-1.280357

http://www.lastampa.it/2014/10/07/scienza/c-la-prova-della-vita-dopo-la-morte-80CfzyD2beoYO7i5yJXb1O/pagina.html

http://www.telegraph.co.uk/science/science-news/11144442/First-hint-of-life-after-death-in-biggest-ever-scientific-study.html

ecc. ecc. ecc.

Ne ho messe solo “alcune” ma in rete l’informazione si sta espandendo molto velocemente.

Riflessioni personali sullo studio Aware:

1. Un caso è stato convalidato e temporizzato con stimoli uditivi durante l’arresto cardiaco il Dr Parnia ha concluso :  ” Questo è importante , dal momento che è stato spesso ipotizzato che le esperienze in relazione alla morte sono probabili allucinazioni o illusioni , osservati prima che il cuore si ferma o dopo la cuore è stato riavviato correttamente , ma non un’esperienza corrispondente con eventi ‘reali’ quando il cuore non batte . In questo caso , la coscienza e la consapevolezza si sono verificati nel corso di un periodo di tre minuti in cui non c’era battito . Ciò è paradossale , dal momento che il cervello cessa di funzionare normalmente entro 20-30 secondi del cuore fermarsi e non riprendere fino a che il cuore è stato riavviato . Inoltre , i ricordi dettagliati di consapevolezza visiva in questo caso erano coerenti con eventi verificati “.

2. Attendiamo gli studi con i monitor e figure varie
uno dei punti da affrontare nell’esperimento era quello delle figure sovrastanti il letto rianimatorio… però il 78% delle sale di rianimazione ne erano sprovviste e quindi non si è potuto arrivare a un risultato soddisfacente anche su questo punto.
Però io penso che difficilmente uno che è -praticamente morto- possa fare attenzione a tabelloni vari appesi sulle pareti e per di più a figure senza un granché di senso…chissà magari mi sbaglio.
Dobbiamo solo aspettare e vedere se Sam Parnia ei suoi colleghi Aware potranno dare prova del fatto che le menti di coloro che muoiono realmente ‘lasciano’ i loro corpi. Se lo fanno, la scoperta sarebbe forse collocata tra le più grandi scoperte della scienza, vedi Copernico e Einstein. La mente non sarebbe più vista come una parte dal cervello, e la nostra percezione di noi stessi e il nostro ruolo nell’universo cambierebbe per sempre.

3. Lo studio Aware viene chiamato il primo del suo genere perché è il primo in assoluto ad essere stato pubblicato in un organismo accreditato , peer-reviewed rivista scientifica.
Le persone scettiche ma con mentalità aperta iniziano a crederci con più convinzione…

Thread Ufficiale: http://sixupgradeit.mondoforum.com/viewtopic.php?f=85&t=1045

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...