^ The Future is Now ^

Archivio per 3 gennaio 2012

The Witcher 2

The Witcher 2

Geralt di Rivia, il protagonista del gioco e di numerosi libri Fantasy, è un Witcher, un mutante sterile e votato alla distruzione dei mostri che infestano il mondo. Geralt è un esperto spadaccino ed è versato nelle arti dell’ alchimia e della magia.

Il gioco inizia con Geralt che, probabilmente ferito, sta correndo in un bosco. Perde i sensi e si risveglia in una prigione. Vernon Roche, capo delle Bande Blu di Temeria, vuole che il witcher collabori per non essere impiccato e che gli racconti ciò che sa. Si ha la possibilità di raccontare quattro eventi (mattina della battaglia, assalto, avvistamento del drago, arrivo al monastero) in qualunque ordine, a totale discrezione del giocatore. Geralt inizia l’interrogatorio.

Il racconto inizia a distanza di due mesi dall’attentato a Re Foltest che si era visto nel video finale del prequel; non si hanno chiarimenti sull’identità dell’aspirante assassino ma Triss sospetta che si trattasse di un witcher. Foltest ha iniziato una guerra contro la baronessa La Valette, madre dei suoi due gemelli, ultimi eredi, se pur illegittimi, dopo la morte di Adda e vuole Geralt al suo fianco. Sconfitti i La Valette, un grosso drago inizia a sputare fuoco su Geralt e i suoi alleati. Il witcher è incaricato di trovare i figli del re, nascosti in un monastero, ma c’è un nuovo assalto del drago. Geralt riesce a sconfiggerlo. Re Foltest trova i suoi figli, ma viene ucciso dall’uomo che fingeva di essere il loro guardiano. Geralt cerca di fermare l’assassino, ma questo riesce a fuggire con l’aiuto degli Scoiattoli e Geralt viene trovato dalle guardie di Temeria accanto al cadavere e creduto colpevole dell’omicidio.
Alla fine del racconto, Vernon Roche mostra a Geralt un documento in cui èriportato che il witcher sarebbe morto cinque anni prima e gli consegna le chiavi delle sue manette. Geralt riesce a fuggire dalla prigione e raggiunge Vernon e Triss, con cui parte verso Flotsam sulle tracce degli Scoiattoli. Il viaggio di Geralt lo porta a risalire il fiume Pontar attraverso le zone di confine delle regioni di Temeria, Kaedwen and Aedirn tra cui la città Flotsam

Witcher2TrailerScreen1.jpg
Witcher2TrailerScreen2.jpg

Requisiti di Sistema del gioco:

Requisiti minimi:
OS: Windows XP SP2 / Windows Vista SP2 / Windows 7 (32/64-bit)
Processor: Intel Core 2 Duo 2.2 Ghz or AMD Athlon 64 X2 5000+
Memory: 1 GB Windows XP / 2 GB Windows Vista and Windows 7
Video Card: 512 MB RAM, supporting Pixel Shader 3.0 (Nvidia GeForce 8800 or ATI Radeon HD3850)
Requisiti raccomandati:
OS: Windows XP SP2 / Windows Vista SP2 / Windows 7 (32/64-bit)
Processor: Intel Core 2 Quad or AMD Phenom X4
Memory: 3 GB Windows XP / 4 GB Windows Vista and Windows 7
Video Card: 1 GB RAM, supporting Pixel Shader 3.0 (Nvidia GeForce GTX260 or ATI Radeon HD4850)
Requisiti aggiuntivi:
Sound Card: compatible with DirectX 9.0c
HDD: 16 GB of disc space
Disc Drive: DVD x8, compatible with DVD9
Instalation requires administrator access.
Game supports Xbox 360 controller for Windows.
*
Upgrade It! ha testato questo Gioco con questi Sistemi:
– Sistema 1 (PCIEx)
Scheda Madre: Asrock 4CoreDualSata2 Rev 2.0
Processore: QuadCore 6700 2.6
Scheda Video: XFX GeForce nVidia GTS250 1G (Green Edition) (Drivers 275.33)
Risoluzione utilizzata per la prova: 1366×768
Scheda Audio: Asus Xonar D1 (PCI)
Ram: 2G Corsair + 4G ReadyBoost (PenDrive SanDisk 4G)
HardDisk: 500GB (Western Digital Caviar Blue)
GameBooster: attivo
Sistema Operativo: Windows 7 64bit Ultimate Edition
Con questo Sistema Il Gioco è Giocabile anche con impostazione Ultra(che è il massimo possibile), con impostazione alta la Giocabilità è pressochè perfetta.
Quindi Upgrade It! consiglia per Sistemi similari l’ impostazione Elevato.
N.B.
Occhio all’ aggiornamento dei Drivers, avendo aggiornato i Drivers all’ ultima release (ForceWare 275.33) le prestazioni sono nettamente migliorate. Non sempre è così, ma quando si riscontrano problemi o si ha l’ impressione che l’ Hardware che si ha sotto mano è stranamente in difficoltà nonostante le potenzialità… è bene aggiornare.
– Sistema 2 (AGP)
Scheda Madre: Asrock 4CoreDualSata2 Rev 2.0
Processore: Pentium 4 HT 3.0@3.2
Scheda Video: Sapphire ATI Radeon HD3850 512MB AGP
Risoluzione utilizzata per la prova: 1366×768
Scheda Audio: Realtek HD audio 5.1 (soluzione audio integrata)
Ram: 2G Corsair + 4G ReadyBoost (PenDrive SanDisk 4G)
HardDisk: 500GB (Western Digital Caviar Blue)
GameBooster: attivo
Sistema Operativo: Windows Xp 32 Home Edition.
Coming Soon!
—–
Assassino?

Il gioco è disponibile completamente doppiato e tradotto in: Inglese, Tedesco, Francese, Polacco, Russo. Sarà disponibile invece sottotitolato in: Ceco, Cinese, Giapponese, Italiano, Spagnolo, Ungherese.I dialoghi nel gioco richiedono dei tempi di risposta in “tempo reale”. Se non si sceglierà l’appropriata risposta entro un certo limite di tempo, il gioco selezionerà una risposta “standard” dall’elenco.Le scene erotiche sono una parte attiva del gioco e non più soltanto mini-game. Inoltre non ci saranno le carte sexy, come nel primo gioco.Secondo la preview polacca, è possibile importare i savegame del primo gioco, anche se l’esatto funzionamento del sistema non è ancora stato spiegato nei dettagli. Sarà possibile tuttavia conservare i contenuti del Diario, con le scelte precedentemente fatte in TW1; alcune armi e oggetti dell’inventario; non sarà invece possibile conservare il denaro, per non “rovinare” l’economia del nuovo gioco.Geralt si può anche arrampicare e superare ostacoli.Nuove abilità saranno disponibili, anche di carattere sociale, come “Persuasione” e “Intimidire”.Saranno disponibile tre tipi di archetipi per Geralt: Sword master, Alchemist e Sign master. A seconda dell’archetipo scelto, ci saranno diverse abilità e bonus. Gli archetipi influenzeranno il combattimento e i dialoghi.Oltre alle barre con le caratteristiche dell’eroe (vitalità, tossicità e resistenza) ci sarà anche la barra “adrenalina”. Quando la barra è piena Geralt andrà in “berserk” per un certo lasso di tempo, cosa che influenzerà anche le conversazioni con i personaggi (diventando più minaccioso).Combattere con i compagni di viaggio avrà molta più enfasi, ma essi combatteranno autonomamente e non possono essere controllati dal giocatore. Il modo in cui il giocatore si comporta con i compagni (sia nelle conversazioni che in ogni parte del gioco) può sbloccare missioni e avere effetti sul finale.Soltanto in una occasione il giocatore avrà la possibilità di giocare nei panni di Dandelion, quando dovrà affrontare una Succube. Il giocatore potrà scegliere come gestire la missione, uccidendo il demone o lasciandosi sedurre in un incontro erotico

Sia l’ Alchimia che la conoscenza dei mostri saranno due caratteristiche fondamentali del gioco.

Sono stati introdotti una serie di nuovi mostri. Tra i mostri boss, Geralt dovrà affrontare il Draug, il Kayran, una Succube e un Drago (come anche già visto nelle preview e nei video). Inoltre vi saranno arackas, nekker, troll e Non morti che spuntano a sorpresa dal terreno.

E’ prevista l’introduzione di un nuovo segno: il segno dell’ Eliotropo.

La Meditazione è possibile in ogni luogo, ma può essere influenzata dai nemici nei paraggi e interrotta.

Il gioco avrà quattro livelli di difficoltà: “easy”, “medium”, “hard” e “insane”. A livello “insane” significa morte di Geralt e il gioco andrà ricominciato da zero.

Il sistema di combattimento sarà più “attivo”: non più soltanto click sui nemici, ma sarà possibile intervenire direttamente sulle mosse di combattimento, con i tasti di mouse e tastiera. Sarà possibile passare dallo stile veloce a quello forte rapidamente e sarà possibile: parare, schivare, disarmare, lanciare i Segni o petardi. Sarà ancora possibile usare la “pausa” in gioco. Il combattimento non verrà arrestato ma procederà in slow motion.

Sono previsti minigiochi come nella precedente versione di The Witcher: poker coi dadi, combattimento a mani nude, gare di bevute, braccio di ferro. Inoltre sparsi nel gioco ci saranno degli oggetti collegati a missioni secondarie “find me”, che comporteranno un guadagno di PE.

Geralt non potrà utilizzare armi da lancio come balestre e archi, ma potrà usare coltelli da lancio, bombe e petardi.

Le armature saranno composte da più pezzi, come guanti, stivali, cinture ecc. Possono anche essere potenziate.

Anche le spade potranno essere potenziate o create da zero assemblandone i pezzi. Inoltre verranno contenute in dei foderi (e non più appese nude sulle spalle di Geralt).

Sono previsti vari di DLC e contenuti speciali disponibili solo con la Collector’ s Edition del gioco.

Witcher2CutsceneScreen-Kingslayer.jpg
Witcher2CutsceneScreen-Iorveth.jpg

La trama di ‘The Witcher 2 sarà meno lineare che nel primo gioco e pare che avrà tre diverse scelte narrative che condurrano a molteplici finali.

The Witcher 2 si svolge immediatamente dopo il primo episodio, seguente al tentativo di salvare la vita di Re Foltest, che avviene nella scena finale di TW1, da parte del misterioso assassino mascherato. Pare che il malfattore sia collegato ad un personaggio che nella preview viene chiamato Kingslayer. Nel trailer, il Kingslayer parla con Iorveth, un elfo che odia gli umani. Kingslayer mostra una testa mozzata, che pare essere quella di Re Demawend di Aedirn, dicendo che se Iorveth è pronto ad aiutarlo, altre teste coronate cadranno.

Altri indizi della trama a cui si è fatto riferimento (ma che non necessariamente corrisponderanno alle tre scelte narrative suddette) sono i tentativi di Foltest per prendere la fortezza dei ribelli della Baronessa la Valette e “il tema di Geralt, nel quale è in cerca della propria identità”.

Secondo le informazioni date sul gioco, i viaggi di Geralt lo condurranno sul “Fiume Pontar, nelle terre turbolente di confine tra Temeria, Kaedwen e Aedirn”. In una città di nome Floatsam, situata al confine tra Temeria e Aedirn, si svolgerà parte dell’azione.

Concept art con il drago sullo sfondo

Tra i personaggi di ritorno dal primo gioco ci sono Triss Merigold, Zoltan, e Dandelion. Ci sarà anche un personaggio nuovo, Vernon Roche, membro dell’esercito di Temeria mandato per aiutare Geralt.

Witcher2TrailerScreen4.jpg
Witcher2GameplayVideo-Dandelion.jpg
Witcher2TrailerScreen5.jpg

Ho deciso di inserire questo Gioco nella Recensione Giochi Pc, poichè è stato sviluppato solo per Personal Computer. Xbox 360 e PlayStation 3 sono per ora escluse. Solitamente quando si pensa e si sviluppa un Gioco per Pc ne vengono fuori dei veri e propri capolavori… lo è stato Crysis nel 2007 e lo è The Witcher nel 2011. Provatelo !

Thread Ufficiale: The Witcher



RamDisk

Installazione di Gavotte Ramdisk sotto Windows XP, Vista e Seven

– scaricare l’ultima versione di: Gavotte Ramdisk
Oppure Link diretto:
-estrarre l’archivio
-per i sistemi a 32bit, per attivare la modalità PAE basta aggiungere al registro di sistema le informazioni contenute nel file di registro ”ram4g”.
– poi eseguire l’eseguibile, ”ramdisk”, cliccare su ”install ramdisk”, attendere l’installazione dell’hardware.
-selezionare la dimensione del ramdisk, la lettera di unità e lasciare pure il tipo su fixed media.
Riavviare il Pc .Per gli utenti Windows Vista e Seven, è necessario eseguire il programma ”come amministratore”. Esempi utili di utilizzo:

L’ uso pratico del RamDisk, è essenzialmente per tutti quei programmi che vengono aperti molto spesso o che modificano molto spesso file, questo per ridurre lo stress nel disco di sistema.

Oltre ai programmi è possibile anche spostare i temporanei del sistema o del browser( o perchè no tutti i browser )

Spostare i file temporanei di Windows XP

1. Andare sulle proprietà di sistema, andare nella scheda ”Avanzate” indicata in rosso.
2. Cliccare su ”Variabili d’ambiente”, indicato in rosso
3. Modificare le due variabili dell’utente, impostandone il percorso nel ramdisk, è importante usare la cartella ”TEMP” che il ramdisk crea ad ogni avvio, perchè Windows non combina a crearsela da solo.
Riavviare il Computer e verificare che su variabili d’ambiente sia tutto corretto e che dopo qualche minuto la cartella TEMP nella root del ramdisk abbia dei file.Spostare i file temporanei di Windows Vista e Seven

Sono gli stessi passi della parte per Windows XP, con la sola variante che per accedere alle variabili d’ambiente bisogna andare su:
-Pannello di controllo.
-Sistema di manutenzione.
-Sistema, accedere alla scheda ”impostazioni avanzate” e poi cliccare su variabili d’ambiente.
ps: vado a memoria, i nomi dei menu potrebbero essere diversi

I percorsi originali delle voci TEMP e TMP sono:
Su Vista e Seven
%USERPROFILE%\AppData\Local\Temp
Su XP
%USERPROFILE%\Impostazioni locali\Temp


ReadyBoost + Ram anche su Sistemi meno recenti

Usare una PenDrive come Ram con ReadyBoost

La quantità di Ram dipende dal dispositivo USB prescelto:

Grazie ad una utility di Windows 7 potrete usare la vostra PenDrive come “Ram” andando a velocizzare il vostro sistema soprattutto se più datato.

Di cosa abbiamo bisogno ?

Pen Drive USB da almeno 256MB
Prestazioni in scrittura minime: 1,75MB/s
Prestazioni in lettura minime: 2,5MB/s
Tempi d’accesso massimi: 1millisecondo o inferiore
Sistema Operativo: Windows 7 / *Windows Xp

Quasi tutte le pendrive possono soddisfare questi requisiti.

1 Prendete la vostra PenDrive e inseritela in una delle porte USB a Vostra disposizione.

– Vi apparirà questa schermata dopo qualche secondo:

 

2 Selezioniamo “Aumenta la velocità del computer usando Windows ReadyBoost”
– Una volta fatto ciò ci apparirà quest’altra schermata per la configurazione della PenDrive:

[Immagine: ?di=013052234047]

3 Da qui possiamo scegliere quanto spazio assegnare al ReadyBoost è sempre bene seguire la dimensione consigliata dal programma ma nulla ci vieta di superarla. Per applicare ci basterà spuntare l’opzione “dedica il dispositivo a ReadyBoost” poi “applica” infine “ok”.

Per verificare che il dispositivo è usato dal Sistema come Ram andiamo su “Computer” e verifichiamo che questo sia pieno:

[Immagine: ?di=713052229043]

4. Come disattivare ReadyBoost:
– Per disattivare la funzione ReadyBoost e rendere utilizzabile la pendrive dobbiamo andare sulle sue proprietà “ReadyBoost” e spuntare l’opzione “non utilizzare dispositivo” per poi cliccare su “applica” e “ok”.

[Immagine: ?di=1413052231177]

Se andiamo sulla sezione Computer noteremo la periferica nuovamente vuota.

[Immagine: ?di=313052231187]
PenDrive consigliate con supporto alla tecnologia Microsoft ReadyBoost:

Corsair Flash Voyager GT

N.B.

Va comunque detto che anche USB non fornite di pieno supporto a questa tecnologia fanno il loro lavoro in modo molto accettabile.

Questa utility può apportare miglioramenti nelle prestazioni lì dove questo non è possibile causa limiti Hardware, ma in un Sistema non proprio recente la spesa deve rimanere contenuta, sta a Voi poi decidere quanto in base al Vostro Sistema. La PenDrive consigliata è molto performante.

Altre segnalazion di PenDrive più economiche (però performanti) sono ovviamente ben accette 😉

Saluti

Six


* E… Windows Xp?

ReadyBoost può essere emulato per mezzo di eboostr anche su Windows Xp:

eboostr

adesso si che posso chiudere 😉

Saluti

Six


RamDisk

Installazione di Gavotte Ramdisk sotto Windows XP, Vista e Seven

– scaricare l’ultima versione di: Gavotte Ramdisk
Oppure Link diretto:
-estrarre l’archivio
-per i sistemi a 32bit, per attivare la modalità PAE basta aggiungere al registro di sistema le informazioni contenute nel file di registro ”ram4g”.
– poi eseguire l’eseguibile, ”ramdisk”, cliccare su ”install ramdisk”, attendere l’installazione dell’hardware.
-selezionare la dimensione del ramdisk, la lettera di unità e lasciare pure il tipo su fixed media.
Riavviare il Pc .Per gli utenti Windows Vista e Seven, è necessario eseguire il programma ”come amministratore”.

Esempi utili di utilizzo:

L’ uso pratico del RamDisk, è essenzialmente per tutti quei programmi che vengono aperti molto spesso o che modificano molto spesso file, questo per ridurre lo stress nel disco di sistema.

Oltre ai programmi è possibile anche spostare i temporanei del sistema o del browser( o perchè no tutti i browser )

Spostare i file temporanei di Windows XP

1. Andare sulle proprietà di sistema, andare nella scheda ”Avanzate” indicata in rosso.
2. Cliccare su ”Variabili d’ambiente”, indicato in rosso
3. Modificare le due variabili dell’utente, impostandone il percorso nel ramdisk, è importante usare la cartella ”TEMP” che il ramdisk crea ad ogni avvio, perchè Windows non combina a crearsela da solo.
Riavviare il Computer e verificare che su variabili d’ambiente sia tutto corretto e che dopo qualche minuto la cartella TEMP nella root del ramdisk abbia dei file.

Spostare i file temporanei di Windows Vista e Seven

Sono gli stessi passi della parte per Windows XP, con la sola variante che per accedere alle variabili d’ambiente bisogna andare su:
-Pannello di controllo.
-Sistema di manutenzione.
-Sistema, accedere alla scheda ”impostazioni avanzate” e poi cliccare su variabili d’ambiente.
ps: vado a memoria, i nomi dei menu potrebbero essere diversi

I percorsi originali delle voci TEMP e TMP sono:
Su Vista e Seven
%USERPROFILE%\AppData\Local\Temp
Su XP
%USERPROFILE%\Impostazioni locali\Temp


4G di Ram (Full) anche con Sistema a 32 bit

 

Tutti sono delusi quando ottengono meno di quanto si aspettano. È un’esperienza condivisa ogni giorno dagli utenti di pc: basta dare un’occhiata al Pannello di controllo (facendo clic con il tasto destro del mouse su Risorse del computer o Computer e poi su Proprietà), e subito gli utenti di Windows a 32 bit si accorgono di avere a disposizione molta meno Ram di quella effettivamente installata sul computer.

Con i 64 bit questo problema non sussiste più, ma molti utenti non sono disposti a sostituire il loro XP con Windows 7 a 64 bit. Anche molti produttori di Notebook e di sistemi assemblati puntano consapevolmente sui 32 bit, perché in questo modo ci sono meno incompatibilità, e gli oneri per l’assistenza sono pertanto minori. Ciò nonostante, tali produttori equipaggiano i loro computer con “ben 4 Gb di Ram” e li pubblicizzano di conseguenza. I prezzi molto convenienti delle memorie convincono inoltre molti utenti a espandere la Ram presente sul loro sistema. Per sfruttare i vantaggi della tecnologia dual channel, finiscono quindi di norma nel pc due blocchi di memoria da 2 Gb.

I limiti dei sistemi a 32 bit

Il computer a 32 bit ha pertanto a propria disposizione 232 memory address, ovvero 4.294.967.296, cifra che corrisponde esattamente ai 4 Gb di Ram installati. Purtroppo però anche i dispositivi connessi al sistema, come controller Usb, schede video o schede tv, hanno bisogno di memory address per poter funzionare in maniera corretta. Tali indirizzi, tuttavia, non sono più disponibili per l’indirizzamento della memoria e quindi una parte della Ram non può essere sfruttata. La quantità di Ram inutilizzata può essere compresa, a seconda del sistema, tra 300 e 1.024 Mb.

Da alcuni anni è disponibile la Physical Address Extension (Pae), una tecnologia che permette di ampliare artificialmente l’intervallo di indirizzi. La memoria che fino a quel momento rimaneva inutilizzata, ora può essere sfruttata per compiti specifici. In questo caso il fattore limitante è rappresentato dalle linee d’indirizzamento dei processori. Chi possiede ancora un processore Intel Pentium (o precedente) dispone di sole 32 linee d’indirizzamento e non può approfittare della tecnologia Pae. Dal Pentium Pro fino alle attuali Cpu Core 2 Duo o Quad, i processori Intel dispongono di 36 linee d’indirizzamento, che permettono uno spazio di indirizzi fino a 64 Gb.

A livello teorico, con un Athlon 64 è addirittura possibile indirizzare 1 Tb. La Pae dovrebbe essere attivata di default a partire da XP con SP2. Spesso, tuttavia, il sistema crede di avere riscontrato un’incompatibilità e ne impedisce l’attivazione automatica.

In Windows XP potete attivare l’estensione dell’indirizzo fisico editando il file Boot.Ini. :

Per riuscire a vedere questo file, avviare Esplora risorse premendo contemporaneamente i tasti Windows+E. Andate ora nella directory root, che normalmente è C:\. Cliccate su Strumenti/Opzioni cartella e selezionate la scheda Visualizzazione. Disattivate l’impostazione Nascondi i file protetti di sistema e confermate la scelta. Mettete poi un segno di spunta nella casella Visualizza cartelle e file nascosti.
Ora aprire il file Boot.Ini con l’editor e aggiungere l’opzione /PAE alla procedura di avvio del sistema operativo riportata sotto la voce [Operating Systems]. Successivamente, in Sistema/Pannello di controllo si troverà l’indicazione Estensione indirizzo fisico.

Con Windows Vista o Windows 7 a 32 bit procedere in questo modo:

aprite il Prompt dei comandi digitando cmd nella casella di ricerca e cliccare poi con il tasto destro del mouse sul file cmd.exe per selezionare Esegui come amministratore. Digitare poi il comando BCDedit/set PAE forceenable e riavviare il pc. Se le vostre periferiche di sistema non danno problemi con il nuovo intervallo di indirizzi significa che avete superato il primo ostacolo.
Nota: dopo l’attivazione della Pae verificare il corretto funzionamento dei dispositivi collegati. In caso di incompatibilità, la soluzione è aggiornare i driver dei componenti interessati. Se ciò non funziona è necessario annullare le modifiche effettuate. In Vista e Windows 7 basta digitare forcedisable al posto di force­enable: la Pae verrà così disattivata.
Se tutto è andato per il meglio, la memoria prima non disponibile ora può essere usata dal sistema, non direttamente come memoria ad accesso casuale, ma come disco Ram disk ultrarapido. Il tool perfetto per configurare un Ram disk è Gavotte RamDisk.

Gavotte RamDisk: Guida all’ uso di un RamDisk (Gavotte)

Recensione resa possibile Grazie al contributo dell ‘ utente attivo Nio04 e la rivista di Informatica Cheep.