^ The Future is Now ^

Max Payne 3

Max Payne 3

Torna uno dei più bei giochi mai realizzati su Pc, quindi Max Payne non poteva mancare nelle Top list di Upgrade It !

Noi non recensiamo tutti i Giochi in uscita, poichè sarebbe dispersivo ed inutile… ma cerchiamo di premiare quelle case produttrici di giochi per Pc/Console che hanno investito risorse anche(meglio se solo) per la piattaforma Pc che riteniamo essere l’ unico banco di lavoro e di prova utile allo sviluppo di Giochi  tecnologicamente avanzati e quindi maggiormente al passo con l’ hardware attuale. Nulla dire alle utilità delle Console sono pratiche e permettono un accesso immediato al Gioco… inoltre hanno permesso di dare maggior longevità ai nostri Sistemi Pc. Oggi con Sistemi Pc anche piuttosto datati si può riuscire a Giocare con una considerevole quantità di Giochi, una volta(pre uscita della prima Console) questo era impensabile… quindi sicuramente per quanto riguarda questo aspetto lunga vita alle Console.

Fino ad ora abbiamo recensito Giochi della mole di Crysis 2, Battlfield 3 e The Witcher 2 (sviluppati  solo per Pc), Fifa 12(finalmente quest’ anno portato allo stesso livello di giocabilità delle Console… ma ovviamente la grafica su Pc è un’ altra cosa) abbiamo accennato a un paio di titoli che ci sembrano molto interessanti quali Skirim e Max Payne. Quindi iniziamo ad approfondire la nostra conscenza con Max Payne 3.

Max Payne 1 è stato un incredibile successo ai tempi, è stato uno dei primi videogiochi ad adottare il “bullet time”, reso famoso dalla serie cinematografica di Matrix. È basato sul motore grafico Max-Fx, utilizzato in precedenza nel software di benchmark 3D Mark 2001, che presenta già il bullet time usato nel gioco in questione.

La trama del gioco segue le linee della letteratura “Noir”.

Il personaggio principale, come intuibile, è Max Payne, agente di un distretto di Polizia della città di New York, il quale una sera, tornato a casa, scopre che sua moglie Michelle e sua figlia appena nata sono state massacrate da alcuni criminali sotto l’effetto di una nuova droga sintetica, la Valchiria. Trasferitosi alla DEA e con l’appoggio dei poliziotti Alex Balder e B.B., inizia una missione sotto copertura al fine di scovare chi si trova dietro lo spaccio di questa potentissima droga. Ci vogliono tre anni perché si trovino delle tracce che sembrano condurre a Jack Lupino, un criminale affiliato al clan mafioso dei Puncinello. B.B. informa Max di incontrarsi con Alex alla stazione della metropolitana di Roscoe Street, ma il protagonista si imbatte in alcuni malviventi che tentano di ucciderlo. Dopo averli eliminati, Max trova il suo amico Alex, ma questi viene subito freddato con un colpo di pistola da un killer non identificato. Payne viene ritenuto responsabile del delitto da parte della polizia di New York e del vice-procuratore Jim Bravura che gli dà la caccia, inconsapevole del suo lavoro in incognito.Divenuto ormai bersaglio sia della polizia che dei mafiosi, Max inizia a combattere per la sopravvivenza e per la sua vendetta, affrontando da solo i principali esponenti della malavita newyorkese e i loro più fidati scagnozzi, come i fratelli Joey e Virgilio Finito o altri pericolosi criminali in affari con i principali antagonisti di Max Payne, come il killer Rico Muerte che viene guidato dal ben più potente Angelo “Don” Puncinello (il boss che controlla la malavita newyorkese), che in qualche modo è coinvolto nello spaccio. Le piste iniziali portano ad uno squallido motel, proprietà di Lupino, e a Vincent “Vinnie” Gognitti un criminale che maltrattava giovani ragazze squillo e che portava avanti gli affari dello stesso Lupino. Gognitti è il nuovo obiettivo di Payne che attraversa due interi edifici per andare ad ucciderlo: nel faccia a faccia con Vinnie, Max spara al boss ferendolo gravemente e solo dopo un lungo inseguimento sui tetti e sui treni di New York, dopo aver ucciso tutti gli scagnozzi di Gognitti riuscirà a raggiungerlo e a sparargli, lasciandolo in fin di vita in un vicolo. Lo stesso Gognitti indirizza il poliziotto al night club Ragnarock gestito da Jack Lupino, divenuto insano di mente a causa della Valchiria (sparò in testa ad un suo sottoposto per il gusto di vedere il suo cervello schizzare contro il muro) e datosi ad evocazioni e riti occulti. Al locale Payne si scontra con Lupino e i suoi uomini, uccidendoli. Subito dopo incontra Mona Sax, sorella gemella di Lisa Sax (moglie di Angelo Puncinello) dalla quale viene a sapere che l’uomo che ha ucciso c’entra ben poco con la sua faccenda dietro la quale c’è Puncinello in persona, che gestisce gli scambi della Valchiria. Quindi la donna, per sugellare un’apparente stretta di alleanza, gli offre un bicchiere di whisky, in cui è però diluita una dose di Valchiria. Max sviene e la sua mente si altera, avendo l’impressione di vedere l’intero posto in cui si trova vorticare in uno sfondo verde.
Qui Max è protagonista di un incubo nel quale rivive la tragedia di sua moglie e di sua figlia in casa sua attraverso immagini oniriche deformate: camminerà su tracce di sangue esposte nell’oscurità per arrivare a scoprire che l’assassino di sua moglie e di sua figlia era lui stesso, poiché non era stato in grado di proteggerle.Ripresosi dall’incubo, si ritrova nel seminterrato dell’hotel in cui Lupino gestiva il suo giro di droga e prostituzione, legato ad una sedia. Davanti a lui c’è Frankie “Mazza” Niagara (incaricato da Puncinello di ucciderlo) che in quel momento teneva in mano una mazza da baseball, e che innervositosi per una domanda canzonatoria fattagli da Max (gli aveva chiesto se il cognome “Niagara” era dovuto all’incontinenza) gli dà tre mazzate. Prima di finire il lavoro, il criminale decide di recarsi al bar dell’albergo per andare in bagno e bere una birra. Nel frattempo il protagonista si libera dalle corde, rompendo la sedia a cui era legato. Presa dunque la mazza da baseball che Frankie aveva lasciato lì, decide di “giocare a nascondino” con i criminali, uccidendoli tutti e prendendo tutte le armi di cui ha bisogno. Si reca quindi al bar, dove uccide i restanti sicari ed infine Frankie.All’uscita dal locale incontra Vladimir Lem, un boss e trafficante d’armi russo, principale avversario di Puncinello; Max lo aveva intravisto precedentemente a bordo di una mercedes nera, quando esplosero due bombe nell’hotel in cui abitava Lupino. Il russo propone a Max un’alleanza, nel tentativo di abbattere Puncinello e il suo giro di droga; su indicazione di Vladimir, Max va quindi all’attracco del porto di Brooklyn, ad impossessarsi della nave cargo “Caronte” che trasporta un carico d’armi, uccidendo il capitano della nave, Boris Dime, una volta al servizio di Vladimir ed ora passato dalla parte del nemico (Puncinello). Payne uccide Dime e prende l’arsenale di cui ha bisogno per proseguire nella sua vendetta.La sera stessa telefona a Puncinello per un incontro faccia a faccia: il luogo è il ristorante “Casa di Angelo” di cui Puncinello è il proprietario. Ovviamente il Don non si presenta, in compenso l’edificio è pieno d’esplosivo, e Max dovrà attraversarlo per raggiungere l’accesso alle fogne, l’unica via d’uscita ormai praticabile da quel ristorante, dove ad atterderlo ci sono altri criminali, assoldati da Puncinello per impedire a Max di fuggire, che il protagonista dovrà far fuori.Uscito da quell’inferno in fiamme, Payne viene quindi prelevato da Vladimir Lem ed accompagnato alla tenuta di Puncinello, luogo in cui poter finalmente regolare i conti con il Don. Qui Max deve affrontare, oltre ad un altro nutrito gruppo di criminali bene armati, il “Trio”, i tre uomini di fiducia di Puncinello, sicari estremamente crudeli e pericolosi: Vince Mugnaio, Pilato Providence, noto come “Il grande fratello” e Joe “Padella” Salem (elencati nell’ordine in cui appaiono nel capitolo “L’Angelo della morte” della casa di Puncinello). Uccisi questi tre feroci killer, e dopo aver trovato il cadavere di Lisa Sax (uccisa dal marito), Max va finalmente ad affrontare il boss mafioso. Ma nel momento in cui il poliziotto spalanca la porta e il Don cerca di abbonirselo, entrano tre uomini che uccidono Puncinello. Sono agenti al servizio di una donna misteriosa, che l’attende nella stanza precedente con una ventina di uomini armati.Così Max scoprirà che neanche Puncinello era ai vertici del traffico della droga, ma era solo in affari con il vero gestore, quella donna: la stessa che telefonò a casa Payne il giorno dell’omicidio dei suoi familiari, e la stessa che ora, si trova davanti a lui. Ormai intrappolato dagli agenti della donna, gli viene iniettata da questa, una potente dose di Valchiria. Prima di entrare in overdose e perdere i sensi, Max la sente ordinare ai suoi uomini di portarla a Cold Steel. Ripresosi, raggiunge questo luogo fuori città, che è un’acciaieria nei quali sotterranei, protetti e fortificati come un vero e proprio bunker, viene prodotta la Valchiria. Con il vantaggio che la sua nemica lo creda morto per la dose di Valchiria, egli riesce ad introdursi nell’acciaieria e a proseguire l’indagine, che porta alla luce nuovi dettagli sulla Valchiria.Max scopre infatti che non si tratta di un ordinario commercio illegale tra mafiosi: la droga fa parte del cosiddetto “Progetto Valhalla”, un lungo e costoso progetto militare, iniziato nel 1991 durante la guerra del golfo, con lo scopo di aumentare la resistenza al dolore e la potenza fisica della fanteria statunitense. Il piano venne annullato nel 1995 per mancanza di fondi e perché ritenuto pericoloso per la salute delle truppe americane, ma la donna misteriosa continuò ugualmente la ricerca. La moglie di Max, Michelle, che lavorava presso l’ufficio del Procuratore Distrettuale, scoprì accidentalmente dei documenti sul “Progetto Valhalla” e, per evitare che il tutto venisse allo scoperto, fu ordinato il suo assassinio e quello della figlia.Nel frattempo viene attivata l’autodistruzione dell’intero edificio, che esplode nell’istante stesso in cui Max riesce ad uscire, appena in tempo per vedere che tutte le prove che potevano dimostrare, almeno in parte, la sua innocenza, venivano perse nell’esplosione. A questo punto, il protagonista smette di seguire l’etica professionale dell’agente ed inizia una propria vendetta personale nei confronti di chi ha rovinato la sua vita.Payne intuisce anche che B.B. è un traditore (Max stesso gli chiederà se le due lettere significhino Brutto Bastardo) in combutta con la Horne e che fu lui a uccidere il suo amico Alex per invidia. B.B. dà appuntamento a Max nel parcheggio della Choir Communications per le 2.30 di notte. Si tratta ovviamente di una trappola e Max è costretto ad affrontare altri nemici facenti parte dell’organizzazione criminale di B.B., lungo i numerosi livelli del garage. Alla fine riuscirà ad uccidere B.B.Dopodiché verrà contattato dal senatore Alfred Woden facente parte dell’organizzazione nota come “Circolo interno”. Woden invita il protagonista al luogo dove si sarebbe tenuta una riunone del Circolo e qui gli rivela la vera identità della donna misteriosa: si tratta di Nicole Horne, presidente della Aesir Corporation (compagnia assicurativa usata come facciata per nascondere i suoi veri traffici). Il senatore vuole ingaggiare Max per eliminare la donna, promettendogli in cambio di sistemare la sua situazione e riabilitarlo. Ma appena Max viene introdotto al resto del Circolo, avviene un agguato da parte degli uomini della Horne che entrano nella stanza sparando. Payne si salva buttandosi dalla finestra ma Woden e gli altri rimarranno gravemente feriti.Max trova tutti gli indizi che Woden gli ha volontariamente lasciato nelle stanze successive e dopo essersi preso un po’ di tempo si reca alla sede centrale della Aesir Corporation. Qui dovrà affrontare l’intero esercito personale della Horne, uccidendo numerosi uomini armati e superando diversi sistemi d’allarme e barriere difensive. Ad un certo punto il protagonista ritrova Mona Sax, incaricata dalla Horne di ucciderlo, ma lei decide di non farlo. Tuttavia sopraggiungono alcuni agenti nemici e Mona, per proteggere Max, viene uccisa. Quando Payne richiama l’ascensore dove la Sax era stata colpita, il corpo della donna è scomparso. Intanto la Horne cerca di raggiungere l’elicottero sul tetto del grattacielo della Aesir Corporation. Max la insegue e, mentre la donna sale sul velivolo, spara ai sostegni della torre radio in cima all’edificio. La grossa antenna cade sull’aeromobile, che esplode, uccidendo la Horne e i suoi uomini rimasti. La piattaforma di atterraggio cede e l’elicottero precipita dal grattacielo. Nel frattempo arriva la polizia, che arresta Max e lo porta via. Ci viene così ripresentata la scena con la quale la storia aveva avuto inizio.Ad ogni modo, il protagonista rimane impassibile e tranquillo. Finalmente ha compiuto la sua vendetta e può lasciarsi andare ad un sorriso, sapendo che Woden avrebbe mantenuto la sua parola.

Film

La 20th Century Fox ha comprato i diritti del gioco per realizzarne l’omonimo film: girato dal regista John Moore fra aprile e maggio 2008, è uscito nei cinema americani il 17 ottobre 2008 ed in Italia il 28 novembre dello stesso anno; l’attore che interpreta il protagonista è Mark Wahlberg, mentre il ruolo di Mona è stato affidato a Mila Kunis, doppiatrice americana di Meg Griffin. È in produzione anche un lungometraggio indipendente diretto da Fergle Gibson dal titolo Payne and Redemption.

Max Payne 2 3

Dalla sua uscita il videogioco ha riscosso un ottimo successo di pubblico e critica; è stato prodotto un seguito, Max Payne 2: The Fall of Max Payne, uscito nel 2003, mentre un terzo capitolo Max Payne 3, è attualmente in lavorazione da parte di Rockstar Vancouver, era previsto per la primavera del 2010 ma è stato rimandato al 2011. Successivamente è stato rimandato a marzo 2012.

Max Payne 3 anteprima :

Gli sviluppatori di Max Payne 3 hanno spiegato come sarà usato il Bullet Time in questo  capitolo e perché hanno deciso di dare un taglio al vecchio stile, rasando a  zero il protagonista e spostando l’azione in Brasile.”Vogliamo che i giocatori abbiano la sensazione di mettere  a segno ogni singolo di colpo e di reagire a ogni proiettile con precisione e  stile. Le tipiche mosse di Max con il Bullet Time sono tornate, ma più  sofisticate e con un livello di dettaglio maggiore”, dichiara Rob Nelson,  art director di Rockstar Games.Grazie all’uso del RAGE engine, delle nuove animazioni  e del sistema Euphoria di Natural Motion, Max Payne sarà in grado di interagire realisticamente  con l’ambiente circostante, sia durante i frequenti tuffi per schivare i colpi  e rispondere al fuoco sia durante lo spostamento del peso da un piede all’altro nelle sequenze con il Bullet Time. I  giocatori avranno un enorme controllo sul personaggio“.Inoltre, i proiettili sono modellati singolarmente, e i  colpi messi a segno registrati dinamicamente e individualmente su ogni  nemico. Tutte le armi sono state modellate con cura, senza  trascurare le parti in movimento dopo ogni sparo.Per quanto riguarda la trama e l’ambientazione  sono passati diversi anni fra gli eventi di Max Payne 2 e quelli del  terzo capitolo, e il protagonista ha impiegato gran parte di questo tempo  cercando di affogare i suoi ricordi e il suo dolore nell’alcool. Il suo passato  continuerà a perseguitarlo e i giocatori potranno notare le conseguenze dei  suoi comportamenti man mano che la storia prosegue.Non mancheranno le sequenze narrate attraverso lo stile a fumetti  tipico dei primi due episodi. Tuttavia, le vicende saranno spiegate anche con  alcuni filmati che useranno il motore grafico del gioco.”Le cut-scene grafiche ritorneranno in Max Payne 3, ma  al posto di una pagina statica stanno creando qualcosa che dia la sensazione di  un fumetto in movimento, che si fonda alla perfezione con il gioco, con il  testo e con i leggendari monologhi di Max”,  questo stratagemma aiuterà a dare al gioco quell’aria noir che caratterizza  la serie.I giocatori potranno vedere Max in una serie di luoghi, in differenti condizioni fisiche e mentali, caratteristiche che condizioneranno  anche il suo aspetto”.Anche l’intelligenza artificiale è stata aggiornata e ora a seconda del tipo di nemico che si fronteggia si assisterà a uno stile di combattimento e a capacità differenti. Una cosa assolutamente naturale e positiva, sarebbe infatti impensabile vedere un teppista di strada o una gang dei bassifondi impartire ordini tattici come una squadra delle forze speciali.

Questo filmato si concentra in particolare sul design e sulla tecnologia usata dall’azienda e offre uno sguardo ravvicinato a numerosi aspetti chiave del gioco.
Nel video si possono notare dettagli sul sistema di puntamento e di mira, sui movimenti, le animazioni e l’intelligenza artificiale dei nemici.Rockstar Games ha svelato alcune informazioni sulla modalità multiplayer di Max Payne 3, che si discosterà dagli attuali sparatutto in prima e terza persona per alcune interessanti caratteristiche. Come inserire partite multigiocatore in un gioco dal forte impatto narrativo? Semplice, introducendo sequenze narrate nel multiplayer.
Normalmente si ha a che fare con partite online piatte abbastanza ripetitive, che round dopo round cambiano soltanto nell’invertire i ruoli delle due squadre in alcune modalità specifiche. In Max Payne 3 invece gli sviluppatori hanno voluto dare una scossa al settore videoludico, grazie alla modalità Gang Wars.
Una tipica partita multiplayer di Max Payne 3 potrebbe cominciare durante un traffico di droga andato male. In questo caso una delle due squadre dovrà recuperare le sacche contenenti il denaro e riportarle in un luogo sicuro. Si tratta di un obiettivo abbastanza comune nelle partite multiplayer, molto simile al classico “cattura la bandiera”, ma la novità arriva nel secondo incontro.
Invece di proseguire con una ripetizione della partita, la missione cambierà a seconda di com’è andata la partita precedente. Per esempio, nel secondo incontro il giocatore migliore della prima partita potrebbe ritrovarsi con una taglia sulla testa. Oppure, la squadra che ha perso la prima partita potrebbe ritrovarsi costretta a impossessarsi di nuovi zone da assoggettare al proprio controllo, sottraendole alla squadra vincitrice.
Nel caso si riesca a vincere quest’ultima partita, le missioni potrebbero continuare piazzando mine e bombe per difendere il quartiere appena acquisito, ecc. ecc.
Gli obbiettivi di ogni partita saranno spiegati dalla voce del protagonista del gioco e illustrati attraverso gli apprezzati fumetti narrativi, molto graditi dai fan. In questo modo lo stile del single player di Max Payne 3 sarà trasportato nella modalità multiplayer.
Gli sviluppatori assicurano che la quantità di diverse missioni online donerà alla modalità Gang Wars una varietà virtualmente illimitata e i diversi obbiettivi impediranno a un team di dominare l’altro a lungo. Alcuni di questi premieranno l’individualismo più spietato, mentre altri incoraggeranno la cooperazione, ma non è tutto.
Ad arricchire la modalità Gang Wars ci saranno i Burst, abilità speciali che si sbloccheranno accumulando esperienza. Anche in questo caso, i perk saranno in sintonia con lo stile del gioco e ispirati dalle caratteristiche della fazione usata nella modalità multiplayer.
Oltre al classico Bullet Time, l’abilità tipica di Max, i Burst più originali sono quelli che permettono di modificare la percezione della realtà. Paranoia, per esempio, impedirà al gruppo di rivale di distinguere i propri compagni di squadra, che sembreranno tutti nemici.
Ogni Burst ha tre livelli d’intensità, che aumenterà man mano che passerà il tempo senza usarlo. Se aspetterete a usare Paranoia fino al terzo livello abiliterete anche il fuoco amico nella squadra rivale, gettandola nel panico più completo.

Questo è il Multiplayer che noi di Upgrade It ! aspettavamo, crediamo che questo tipo di investimenti permettano anche di limitare di molto la pirateria su Pc.E’ un inizio per un nuovo modo di pensare al Multiplayer? Max Payne è riuscito a portare ancora una volta un elemento nuovo nel campo videoludico?
Staremo a vedere… per ora ci sono tutti i presupposti per sperare in qualcosa di nuovo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...