^ The Future is Now ^

L’ Universo


Una cosa simile per ora c’ è solo concesso sognarla ma i sogni spesso diventano realtà.

Guardate questi video e sognate con me:

E’ in inglese ma è voluto… questo perchè lo stupore di una magnificienza simile non ha bisogno di traduzione è un linguaggio universale.

Negli occhi di questa bravissima attrice vive lo stupore e la contemplazione di una realtà e di un mondo sognato e sperato, un giorno vorrei trovarmi in una realtà simile mano nella mano con chi oggi vive e condivide questa nostra realtà conosciuta con me. Fin ora con lei ho conosciuto l’ amore, noi siamo due piccole stelle innammorate pronte ad unirsi in quell’ amore universale che tutto unisce e completa.

Questa mia piccola dedica è per il mio amore (Gio. Ve.)

Non si può iniziare a parlare di un argomento come questo governato come legge universale dall’ amore senza capire cosa di bello, unico e significativo c’ è stato concesso nella nostra vita sul pianeta Terra.


Inizio questo mio viaggio alla scoperta del nostro Universo insieme a voi chissà dove ci porterà questo cammino.

Cosa è questo Universo (di cui noi con il nostro piccolo mondo facciamo parte) tanto meraviglioso ma anche così tanto sconosciuto, cosa ci aspetta oltre le stelle o all’ interno di esso o parte di esso.Si proprio cosi tutto è parte del tutto, adesso la Fisica sta iniziando a capire un pò meglio che tutto è (proprio come diceva un uomo ispirato 2000 anni fà), Dio è tutto quello che ci circonda e noi siamo parte di lui. Si sta scoprendo che tutto l’ universo non è governato dal caos, ma che tutto è governato da Leggi Matematiche ben Precise e che presto ci porteranno a comprendere qualcosa che fino ad ora era solo nella speranza dei nostri cuori. Un Universo governato da leggi matematiche ben precise non può essere parte del nulla. La risposta sta in un essere superiore che tutto è e che tutto ha creato.( Per capire meglio a cosa mi riferisco vi consiglio di leggere un libro tra i miei preferiti che trovate in questo mio space, scritto da un Grande fisico italiano Antonio Zichichi “Perchè io credo in colui che ha fatto il mondo”).

Qui trovate il libro e dei commenti da parte dei lettori: http://www.ibs.it/code/9788842807148/zichichi-antonino/perche-credo-colui

Potete aggiungere un vostro commento sia sul mio Space che sul sito qui sopra proposto ovviamente in merito al libro di Antonio Zichichi.

Video—> intervista ad Antonio Zichichi:

Qualche Foto/Video:

(Tengo a precisare che io sono più per la versione non catastrofista quindi per quella che vede nella data del 21.12.2012 un cambiamento nelle coscenze dell’ umanità, poi sta a voi capire a seconda della vostra interpretazione e lettura di tutto ciò che riuscirete a procurarvi come andranno le cose e quindi a farvi una propria idea e poi magari a esprimere il vostro parere su questo mio Space)

( 2012)

( 2012)

(Teoria inversione dei Poli Magnetici )

I MAYA:

La civiltà Maya ha origini antichissime: i primi insediamenti si possono attribuire al 1500 a.C. ,ma è solo nel 300 a.C. che si cominceranno a sviluppare le prime vere e proprie città.
L’impero Maya era localizzato negli attuali territori del Veracruz, Yucatán, Campeche, Tabasco e Chiapas in Messico, la maggior parte del Guatemala e alcune aree del Belize e dell’Honduras.

Il periodo classico, compreso tra il 300 ca. e il 900 d.C. , è caratterizzato dalla diffusione in tutti i territori maya di una cultura pressoché uniforme. Le maggiori città maya furono Tikal, Copan, Bonampak, Piedras Negras, e Palenque.
In questo periodo la storia maya presenta il suo sviluppo più massiccio nel campo dell’organizzazione culturale, politica, tecnologica, culminando in uno scenario dove ogni città era un piccolo stato che avava contatti con le medesime solo per scambi commerciali.

Una caratteristica di questo popolo, che ne caratterizza l’elevato grado di conoscenze tecniche, è rappresentato dalla vasta rete idrica. Questa, era costituita da piccolissimi canali che convogliavano in grandi cisterne adibite alla raccolta dell’acqua per l’uso quotidiano e per l’irrigazione nei campi.
Le tecniche di tessitura del cotone e di produzione della ceramica erano avanzate. Come unità di scambio venivano utilizzati campanelli di rame e chicchi di caffè; il rame era inoltre lavorato insieme a oro, argento, conchiglie e piume colorate, per produrre ornamenti.
Il potere politico – esecutivo, era affidato a capi che ereditavano il titolo in linea maschile. Questi erano assistiti, a loro volta, da capi locali che distribuivano le terre alle famiglie dei villaggi.
La definitiva crisi che decretò il declino irreversibile dei Maya, è da ricercare in vari fattori come il ripresentarsi di catastrofi naturali, pestilenze, uragani e, di conseguenza raccolti andati perduti, che portarono carestie e continue guerre con le città o popoli confinanti.

I Maya elaborarono un metodo di scrittura geroglifica e registrarono la storia, la mitologia e i riti in iscrizioni scolpite e dipinte su lastre di pietra o colonne, architravi, scalinate, o altri monumenti.
Venivano inoltre scritti libri di carta ripiegata ottenuta dalle fibre di agave, contenenti informazioni di agricoltura, clima, medicina, caccia e astronomia.

Molte tradizioni dei Maya sono state tramandate fino ai giorni nostri e vengono ancora rispettate dagli indios, come il rispetto per la natura (verso la madre terra), il matrimonio, la gravidanza, l’aiuto e la collaborazione tra le famiglie del villaggio.
La natura: la tradizione più importante riguarda il rispetto vero e proprio della natura; la terra viene considerata una vera e propria madre e le viene chiesto il permesso di coltivarla ad ogni semina o per ogni altra operazione agricola.

I Maya erano esperti astronomi, in grado di osservare i pianeti e le stelle con incredibile precisione, pur non possedendo né telescopi né strumenti moderni. I templi maya sono molto alti, per avere dalla sommità una visuale dei punti più lontano dell’orizzonte.

Con semplici strumenti, gli antichi maya prevedevano le eclissi, il sorgere e il tramonto del sole e dimostravano approfondite conoscenze astronomiche sui cicli della luna e sulle stelle. Per i maya, questi elementi celesti rappresentavano delle divinità. La stella polare era molto importante per i maya; data la regolarità degli allineamenti di molte strutture maya, è probabile che la stella polare ed altri corpi celesti fossero usati come guida per l’orientamento degli edifici. I Maya avevano il loro zodiaco, composto da tredici caste; i primi tre segni pare che fossero: lo scorpione, la tartaruga ed il serpente a sonagli.

I Maya erano molto attenti al moto degli astri, costruirono infatti le loro città seguendo particolari allineamenti. Molte città erano orientate verso la levata o il tramonto del Sole ai solstizi, inoltre l’orientazione teneva conto della latitudine del luogo, cosicché non tutte le città hanno la stessa disposizione assoluta, ma relativa alla propria posizione geografica. Inoltre i Maya utilizzavano gli assi delle loro città e quelli dei palazzi più importanti per determinare con l’anticipo di uno o due dei loro mesi il passaggio del Sole allo zenit. Tale momento era di particolare importanza poichè coincideva con l’inizio della stagione delle piogge, la più importante dell’annata agricola. Numerosi sono i templi che presentano punti di osservazione fondamentali per la vita dei Maya.

Uno di questi si trova nell’antica città di Uaxactum, nel Guatemala; vi è un complesso templare in cui dalla cima della gradinata di una piramide era possibile osservare la levata del Sole nei solstizi e negli equinozi. Infatti al solstizio estivo il Sole appariva al mattino sullo spigolo nord di un piccolo tempio posto di fronte alla piramide; agli equinozi sorgeva dietro la porta di un’altra costruzione sacra ed al solstizio invernale sorgeva invece dietro lo spigolo sud di un terzo tempio. Il monumento più noto come osservatorio è il Caracol (chiocciola) della città di Chichen Itza.

E’ una torre cilindrica posta su base quadrata, all’interno una scala a chiocciola porta al piano superiore dove si trovano tre finestre dalle quali venivano effettuate le osservazioni astronomiche. Probabilmente c’erano molte più aperture che purtroppo sono andate distrutte. Il Caracol presenta numerosi allineamenti, tra essi c’è quello della gradinata d’accesso che punta sul tramonto del Sole al solstizio estivo.Sulla gradinata della piattaforma superiore c’è una nicchia nella quale due piccole colonne (una bianca ed una rossa) inquadravano una persona che, guardando di fronte, poteva vedere il tramonto di Venere quando, ogni 8 anni, raggiungeva la sua massima declinazione negativa. Si potevano fare allineamenti anche dalle finestre in cima alla torre: sulla prima si poteva osservare il tramonto del Sole agli equinozi; la seconda puntava sul tramonto di Venere quando aveva la massima declinazione negativa e la terza sulla levata di Achernar, la stella principale della costellazione dell’Eridano. Lo studio del moto di Venere era molto importante, come si può rilevare dalle tavole del Codice di Dresda che trattano in modo accurato delle previsioni sulle apparizioni di questo pianeta. E’ interessante inoltre notare che i templi Maya avevano tutti 365 scalini, uno per ogni giorno dell’anno, ad evidenziare ancor di più come questo popolo fosse ben attento al tempo.

Sentite la chiesa cosa pensa e sostiene per mezzo di un loro portavoce (Padre Balducci ) in merito alla possibilità di esistenza di altri esseri viventi nell’ universo, considerando una parte di questi avvistamenti sulla Terra molto probabili se non certi :


 

 

 


Carlos Diaz e la Sua incredibile storia :



Ricercatori, Scienziati, psicologi analizzano il caso Diaz…


—–\
Cerchi nel grano… forse messaggi non terrestri?


———————————————————-

Queste tre foto sono forse la risposta a un nostro messaggio inviato nello spazio.

————————————————————————————————————————————————————————————

(questo racconta qualcosa di stupefaciente su una possibile risposta a un nostro messaggio inviato qualche anno fà a possibili esseri viventi intelligenti nell’ Universo. Materia di scambio del messaggio il DNA -1 Parte-).

(questo racconta qualcosa di stupefaciente su una possibile risposta a un nostro messaggio inviato qualche anno fà a possibili esseri viventi intelligenti nell’ Universo. Materia di scambio del messaggio il DNA -2 Parte-).


Sono state fatte ricerche e sono state impiantate telecamere in prossimità dei campi per verificare che non vi fosse la mano di nessun uomo……in questi campi super controllati puntualmente il giorno dopo sono comparsi cerchi di una complessità e originalità unica. A voi lascio giudicare…..

———————————————————————————————————————————————————————————————–

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...